Area marina protetta

Area marina protetta

L’unicità e la peculiarità del patrimonio naturalistico delle Isole Pelagie ( Lampedusa, Linosa e Lampione) hanno fatto si che su proposta dell’Amministrazione locale, provinciale e regionale, nonché del Ministero dell’Ambiente, fosse istituita con decreto del 21 ottobre 2002 un’Area Marina Protetta denominata appunto “Isole Pelagie”.

 

Due sono le aeree (riguardo a Lampedusa) la cui tutela sarà integrale: ossia Capo Grecale e Isola dei Conigli, anche se in quest’ ultima è consentita la balneazione.

 

Le zone in giallo rappresentano le aeree di riserva generale mentre quelle in blu di riserva parziale.

 

Tra gli obiettivi che si intendono perseguire, oltre alla protezione ambientale dell'area marina interessata, figurano: la tutela e la valorizzazione delle risorse biologiche e geomorfologiche della zona; la diffusione e la divulgazione della conoscenza dell'ecologia e della biologia degli ambienti marini e costieri dell'area marina protetta e delle peculiari caratteristiche ambientali e geomorfologiche della zona; la promozione di uno sviluppo socio-economico compatibile con la rilevanza naturalistico - paesaggistica dell'area, anche privilegiando attività tradizionali locali già presenti sull' isola di Lampedusa.

 

Nell'ambito dell'azione di promozione di uno sviluppo compatibile con le predette finalità, la disciplina delle attività relative alla canalizzazione dei flussi turistici, alle visite guidate e ai mezzi di trasporto collettivi potrà prevedere che le predette attività vengano svolte prioritariamente o esclusivamente dai cittadini residenti e da imprese aventi sede nel comune di Lampedusa ricadente nell'area marina protetta.  

 

 

 

 

NORME di SALVAGUARDIA  


A Lampedusa, le aree protette sono suddivise in zone, A B C, per poter assicurare la massima protezione ai luoghi di maggior valore faunistico ed assicurare inoltre il ripopolamento delle specie ittiche, endemiche dell'isola di Lampedusa.

  • ZONA A.  La zona A della riserva marina di Lampedusa, è riserva integrale, comprende il tratto di mare antistante la costa a nord  di Capo Grecale ed il tratto che circonda l'isola dei conigli. Queste aree dell'isola di Lampedusa, sono quelle dove è assicurata la massima protezione,dove è vietata la pesca, la navigazione,l'ormeggio e la sosta di qualsiasi tipo d'imbarcazione. Nella zona A sono consentite solo attività di studio e di ricerca.

 

  • ZONA B.  La zona B della della riserva marina di Lampedusa, è riserva generale,comprende il tratto di mare antistante la costa nord orientale,tra Punta Cappellone e Cala Calandra ed il tratto di mare antistante l'isola dei conigli. A Lampedusa, nella zona B sono consentite attività, con minor impatto ambientale.

 

  • ZONA C. La zona C della riserva marina di Lampedusa, è riserva parziale,è il residuo tratto di mare all'interno delle aree A e B. A Lampedusa, nella zona C, sono consentite anche attività d'uso sostenibile del mare e di modesto impatto ambientale.

hotel-villaggio-lampedusa